successivo precedente
Tipi
da Facebook

 

Su Facebook ci sono un sacco di tipi strani, ho provato a classificarli. Se ne ho dimenticato qualcuno, segnalatemelo.

Categorie di frequentatori, postatori e commentatori su fb:

  1. gli entusiasti: mettono mi piace se affermi con sicumera che sei ateo; il giorno dopo dici che sei a Medjugorie con la Madonna in persona e sei diventato il miglior amico di Brosio, e loro urlano il loro gradimento
  2. i chirurgici: intervengono solo due volte all’anno, non una di più non una di meno (solitamente per smerdarti)
  3. gli ipercinetici: ti chiedono l’amicizia, ti bersagliano di like, poke (poke?) e complimenti mettendoti persino in imbarazzo, e dopo qualche settimana scompaiono. Controlli: ti hanno tolto l’amicizia
  4. i criptici: “Mi sono vestita a puntino. Chi mi porterà a ballare?”. “Ho ordinato due pizze, una per il mio ospite”. E tutti: ma chi verrà mai a trovarti?? Più spesso segue un silenzio assordante che sottolinea il grande pathos suscitato da simili affermazioni
  5. i precox: neanche il tempo di dargli l'amicizia che ti invitano a "mipiacciare" le loro pagine pubbliche, ti infestano la bacheca, ti bersagliano di messaggi privati incongruenti con te, ti includono coattivamente nel gruppo della Brugola
  6. le scimmie: non vedo, non sento, non parlo, tanto che ti sei dimenticato di averli fra gli amici. Ma quando ti incontrano, è tutta una domanda e un commento sulla tua vita perché stranamente sono aggiornatissimi. "Ti seguo sempre" è la loro affermazione minacciosa
  7. i rigorosi: non mettono mai un like, commentano per contestarti e dispensano mi piace a tutti coloro che ti criticano nei commenti
  8. i capziosi: tu fai un post che ti meriterà il “Premio Cultura del Vaticano” dimostrando senza possibilità di contestazione, ricorrendo a inconfutabili prove scientifiche, l’esistenza di dio, e loro ti dicono «Sì però hai scritto dio minuscolo»
  9. gli intercalanti: nobilitano il proprio nome con abbreviazioni, vezzeggiativi, citazioni alte. “Marco Mark Toffolo”, “Antonia Romanticissimamente Amore”, Gertrude SuperBacini”, “Tommaso ‘Cruise’ Zarpellon”
  10. i bastian contrari: puoi scrivere che il cielo è blu e cuore fa rima con amore, sta' sicuro che ti arriverà la smentita: il cielo non è proprio così blu, anzi... Se un giorno abbracci una tesi e successivamente la tesi opposta, il bastian contrario ti contesterà con pari veemenza. A volte ti verrebbe da chiedergli perché ti segue, dal momento che non gli garba nulla di quello che affermi; la risposta è evidente: vuole rendersi interessante a te e sembrare intelligente agli altri assumendo per partito preso posizioni "anticonvenzionali"
  11. i fan sfegatati: mettono mi piace e cuoricini dopo tre secondi che hai pubblicato un post di 128 righe, sulla fiducia credo. Dopo un paio di minuti ti chiedono dove fai la presentazione del libro descritta per filo e per segno nel medesimo post di 128 righe
  12. i citazionisti: pubblichi quattrocento contenuti arguti all’anno e loro cliccano “mi piace” quell’unica volta che scegli un contenuto non tuo originale, ad esempio il link alla canzone dei Puffi
  13. i joker: scrivono frasi incazzate con retrogusto enigmatico, tipo “speriamo che domani mattina non arrivi, quel coglione” o “certa gente dovrebbero morire ammazzati”. Ce l'hanno con qualcuno, ma non si capisce chi e soprattutto perché, inducendo a chiedersi perché non indirizzino le lamentele al diretto interessato invece di ammorbare tutti gli altri che niente ne sanno né sono minimamente interessati a saperne di più
  14. i pescatori a strascico: chiedono l'amicizia a una donna solo perché presumibilmente respira e poi in privato la tempestano di messaggi per rimediare un appuntamento (e per vedere se è vero che respira)
  15. gli amiconi: chiedono l’amicizia a tutti quelli che conosci, mettono mi piace a tutti gli eventi cui ti invitano, e... sono come gli imbucati alla festa di matrimonio
  16. gli u-boot: navigano sotto il pelo del web, controllano e sanno tutto ma si guardano bene dall’interagire; per rendersi ancora più invisibili usano profili falsi e nomi non corrispondenti al proprio. Il giorno che li incontri in piazza ti inchiodano: «Cosa facevi il 22 giugno 2011 in via del Bagigio a Santa Croce Bigolina?»
  17. i mutanti: ti chiedono l'amicizia e ti ritrovi loro fan
  18. i pavloviani: io metto un mi piace a te e sono sicuro che entro domattina tu ne avrai reso uno a un mio post
  19. gli untori: non intervengono nelle discussioni ma in alcuni periodi, specialmente sotto Natale, condividono sulla tua bacheca video che non c’entrano niente con la tua attività, taggano ottocento persone e rompono il cazzo a tutti. C’è poi l’untore discreto: quello che crea chat interne con trecento persone la cui notifica più frequente è “Tizio ha abbandonato la conversazione”